renaissance affair

da queste parti la vita è breve ma il giorno infinito
home /ask/ submit/books/photos/io su CB/quaderni slavi/ archive

Amo ogni tuo ciglio, ogni tuo capello, ti combatto in candidi corridoi
dove si giocano le fonti della luce,
ti discuto in ogni nome, ti strappo con delicatezza di cicatrice,
a poco a poco ti metto nei capelli cenere di lampo e nastri
assopiti nella pioggia.
Non voglio che tu abbia una forma, che tu sia esattamente
quello che viene dietro la tua mano,
perché l’acqua, pensa all’acqua, e ai leoni quando si
sciolgono nello zucchero della fiaba,
e ai gesti, architettura del nulla,
le loro lampade accese a metà dell’incontro.
Ogni domani è l’ardesia su cui ti invento e ti disegno,
pronto a cancellarti, non sei così, neppure con quei capelli lisci,
quel sorriso.
Cerco la tua somma, il bordo del bicchiere in cui il vino si fa
luna e specchio,
cerco quella linea che fa tremare un uomo
nella sala di un museo.
E poi ti voglio bene, nel tempo e nel freddo.

Julio Cortazar

Senza titolo on Flickr.
Senza titolo on Flickr.Lo sguardo dall’esterno. 
Mantova.

roma mi fa sudare l’anima e gli occhi

m-as-tu-vu:

Ben Hassett

Red heels and bright blue eyes
Walking a steady line
Fire bombs and mortar shells
Deep kisses through the night
Dancing on thin ice
Chained up at the ankles
I look in your red eyes
And cover my green skin
Twist like an adder
Fall like a slice of snow
Dart between rocks
And I know what the darkness knows
Annie don’t cry it’s a delicate thing that we made
Sparrow don’t cry it’s a delicate thing that we made

Blind time, weighed out in time
Smite our own private sea
Time, gargantuan beat
Red and Green

Pick up my skin from the shelf by the bed
I can slip into my old ways, slip down the stairs
Let me make you sweet tea
Let me make you hot toast
Let me kiss you all over my only, my host

And in time, time, somewhere in time
Sail our own private sea
Time, sweet, terrible, sweet
Red and Green

Tunng, Red and Green

weissesrauschen:

unbenannt by Lasse Hieronymus Bo on Flickr.

una signora ha detto che la mia parola è talassotropismo: in ogni posto in cui vado mi volto in direzione del mare